Albero di pesche – Adozione nuova piantumazione

50,00

Categoria:

Descrizione

ADOTTA UN GIOVANE ALBERO

Questo prodotto è per chi avrà la pazienza dell’ agricoltore. Aiuta la nostra azienda fin dalla piantumazione e compra un giovane Pesco, vieni a raccogliere le pesche con noi, e vivi la fattoria sociale e didattica con i tuoi figli o collaboratori. Prova l’esperienza agricola anche se solo per un giorno saranno ricordi indelebili.

Scegli insieme a noi dove piantare il tuo Albero, dalle un nome, e assistilo fino alla produzione. TI faremmo da tutor ed avrai il tuo albero sui terreni delle nostre aziende agricole. Sara tuo fino a quanto rinnoverai l’adozione annualmente. Guarda dove sono i  terreni dell’azienda agricola “Della Terra e dell’ Uomo qui ai piedi del castello di Costa di Mezzate

Un albero di Albicocche inizia a produrre tra i 3/4 anno una produzione consistente, avrai la pazienza del contadino e riceverai la tua cassetta di frutta.

 

Generalità

Il pesco è probabilmente originario della Cina (secondo alcuni del Medio Oriente – Persia), dove lo si può ancora rinvenire allo stato selvatico. L’introduzione del pesco in Europa viene da alcuni attribuita ad Alessandro Magno a seguito delle sue spedizioni contro i Persiani, secondo altri i Greci lo avrebbero introdotto dall’Egitto.
Viene coltivato in molti Stati nelle zone con clima temperato mite. A livello mondiale i maggiori produttori sono gli Stati Uniti, seguiti dall’Italia, Spagna, Grecia, Cina, Francia e Argentina.
In Italia le regioni maggiori produttrici sono l’Emilia-Romagna (circa 1/3 della produzione), Campania (1/4), Veneto e Lazio. I primi pescheti specializzati in Italia risalgono alla fine dell’800 e sono stati realizzati in provincia di Ravenna.
Il pesco appartiene alla famiglia delle Rosaceae, tribù delle Amigdaleae, sezione delle Prunoidee , genere Persica, specie vulgaris. Secondo altri studiosi apparterrebbe al genere Prunus (specie persica), come l’albicocco, il ciliegio, il mandorlo e il susino.
Il genere Persica comprende varie specie, tra cui diverse ornamentali. Tra quelle coltivate ricordiamo:
– Persica vulgaris Mill. (= Prunus persica (L.) Batsch.): produce frutti con buccia tomentosa; da consumo fresco o da industria;
– Persica laevis DC (= Prunus persica var. necturina Maxim., Prunus persica var. laevis Gray): pesco noce o nettarina, che produce frutti glabri da consumo fresco.
Il pesco comune è un albero di modeste dimensioni, alto fino a ca. 8 m, con apparato radicale molto superficiale, corteccia bruno-cenerina e rami radi, divaricati, rosso-bruni.
Le foglie sono lanceolate, strette, seghettate.
I fiori, che sbocciano prima della comparsa delle foglie, sono ermafroditi, ascellari, pentameri, colorati in rosa più o meno intenso. I petali sono cinque, il calice è gamosepalo, con cinque sepali; gli stami sono numerosi, fino a 20-30. Il pesco è, in genere, una specie autofertile. Gli ovuli, generalmente due, non giungono tutti a maturazione, ma solo uno di essi viene fecondato e giunge a maturità. Il nocciolo di pesco contiene perciò un solo seme (o mandorla) solcato profondamente, che è di sapore amaro per l’elevato contenuto di amigdalina, un glucoside cianogenetico caratteristico di alcune drupacee. I frutti (le pesche) sono drupe carnose, tondeggianti, solcate longitudinalmente da un lato, coperte da una buccia tomentosa (pesche propriamente dette) o glabra (pesche-noci o nettarine) di vario colore. La polpa è succulenta, di sapore zuccherino più o meno acidulo, di color bianco, giallo o verdastro. La pesca ha una tipica consistenza polposa e succosa che è dovuta all’elevato contenuto in acqua ed alla presenza di pectina.
La maturazione dei frutti avviene tra la prima e la seconda decade di maggio nelle zone meridionali, fino alla fine di settembre per le cultivar più tardive.
In linea di massima le condizioni climatiche italiane e degli altri Paesi mediterranei sono ideali per la coltivazione del pesco che può sopportare limiti assai ampi, da minime invernali di anche -15 -18°C fino ad ambienti subtropicali dove il riposo invernale è alquanto limitato.

ce alcuni di questi possono essere ben sfruttati.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Albero di pesche – Adozione nuova piantumazione”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *